Conus (Chelyconus) parvus (Borson, 1820)


Descrizione e caratteristiche:


Secondo Sacco (1), questa specie è certamente collegata al Conus striatulus, dal quale si distingue per essere di minori dimensioni, e per avere la spira spesso più bassa. L’apice mostra una certa granulosità. Le macchie bianche appaiono più spesse e meglio definite nel Conus parvus rispetto a quelle del Conus mediterraneus.

 
Distribuzione:

E’ molto frequente nell’Elveziano.

 


 

Conus parvus mm. 14,6 x 8,4

Olotipo - Torino

Conus parvus - Golfo di Gabes

Conus parvus mm. 19,8 x 10,9

Pliocene – Pietrafitta - [AZFC N. 454-01]

 

 

 

 

 

Conus parvus

 

Conus parvus var. parvecatenata

Conus parvus var. taurocrassulosa

Conus parvus var. anomalocrassulosa

 

Conus parvus var. miosubuloides

Conus parvus var. miofusulovoides

Conus parvus var. longanfractus

 

Conus parvus – Golfo di Gabes

Conus parvus – Golfo di Gabes

 

 



Sistematica:



Dominio

EUCARYOTA

Whittaker & Margulis,1978

 

 

Regno

Animalia

Linnaeus, 1758

 

 

Sottoregno

Bilateralia

(Hatschek, 1888) Cavalier-Smith, 1983

 

 

Ramo

Protostomia

Grobben, 1908

 

 

Infraregno

Lophotrochozoa

 

 

 

Superphilum

Eutrochozoa

 

 

 

Philum

Mollusca

(Linnaeus, 1758) Cuvier, 1795

 

 

 

 

 

 

 

Classe

GASTROPODA   

Cuvier, 1797

 

 

Sottoclasse

ORTHOGASTROPODA 

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

 

 

 

 

 

Superordine

CAENOGASTROPODA 

Cox, 1970

 

 

 

Sinonimo

 

 

 

 

MESOGASTROPODA

Thiele, 1925  

 

 

 

 

 

 

 

Ordine

SORBEOCONCHA

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

Sottordine

HYPSOGASTROPODA

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

Infraordine

NEOGASTROPODA

Thiele, 1929

 

 

 

Sinonimo

 

 

 

 

STENOGLOSSA  

 

 

 

 

 

 

 

 

Superfamiglia

CONOIDEA 

Rafinesque, 1815

 

 

Famiglia

CONIDAE

Linnaeus, 1758

 

 

Genere

Conus

Linnaeus, 1758

 

 

Sottogenere

Lithoconus

Mörch, 1852

 

 

 




 

 

 

 

 

Conus parvus mm. 19,8 x 10,9

Pliocene – Pietrafitta - [AZFC N. 454-01]

 

 

Sull’ultimo giro si possono vedere bene linee spirali formate da puntini marroni. Sulle spire si intravedono le caratteristiche macchie presenti anche nel Conus striatulus.

 

 

 

 

Conus parvus  var. taurocrassulosa - [AZFC N. 289-01]

Sacco, 1893

25,2 x 13,8 mm. – Golfo di Gabes

 

 

 

Conus parvus var. taurocrassulosa

 

Conus parvus  289 / 04

Borson, 1820

40,6 x 19,3 mm. – Golfo di Gabes

 

[Le dimensioni di questo esemplare sono veramente eccezionali.]

 

 



Bibliografia Consultata