Conus (Chelyconus) spongiopictus  (Sacco, 1893)

 


Descrizione e caratteristiche:

 

E’ una conchiglia robusta; i giri sono poco convessi o subpiani. L’apice è acuto, l’apertura è ampia ed allargata alla base. Il labbro è molto arcuato, proiettato in avanti nella parte inferiore e rientrante verso la base. Nella regione caudale sono presenti cingolelli trasversali. E’ caratterizzato da macchie spugnose ocracee, non sempre presenti a causa dell’usura, dalla cui presenza deriva il nome della specie.


Distribuzione:

E’ segnalato in Italia: in Piemonte nel periodo Astiano, in Toscana nel Pliocene.

 

 

Conus spongiopictus

 

 



Sistematica:



Dominio

EUCARYOTA

Whittaker & Margulis,1978

 

 

Regno

Animalia

Linnaeus, 1758

 

 

Sottoregno

Bilateralia

(Hatschek, 1888) Cavalier-Smith, 1983

 

 

Ramo

Protostomia

Grobben, 1908

 

 

Infraregno

Lophotrochozoa

 

 

 

Superphilum

Eutrochozoa

 

 

 

Philum

Mollusca

(Linnaeus, 1758) Cuvier, 1795

 

 

 

 

 

 

 

Classe

GASTROPODA   

Cuvier, 1797

 

 

Sottoclasse

ORTHOGASTROPODA 

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

 

 

 

 

 

Superordine

CAENOGASTROPODA 

Cox, 1970

 

 

 

Sinonimo

 

 

 

 

MESOGASTROPODA

Thiele, 1925  

 

 

 

 

 

 

 

Ordine

SORBEOCONCHA

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

Sottordine

HYPSOGASTROPODA

Ponder & Lindberg, 1997

 

 

Infraordine

NEOGASTROPODA

Thiele, 1929

 

 

 

Sinonimo

 

 

 

 

STENOGLOSSA  

 

 

 

 

 

 

 

 

Superfamiglia

CONOIDEA 

Rafinesque, 1815

 

 

Famiglia

CONIDAE

Linnaeus, 1758

 

 

Genere

Conus

Linnaeus, 1758

 

 

Sottogenere

Chelyconus

Mörch, 1852

 

 

 



 

 

Conus spongiopictus  mm. 28,7 x 14,5 – Pliocene – Palaia / Monopoli - [AZFC N. 303-01]

 



Bibliografia Consultata